Alcool in medicine

"Se sei preoccupato, hai anche un liquore", dice il volgare. Potresti anche dire: "Chi ha medicine ha alcool". Molti farmaci, in particolare integratori a base di erbe in forma liquida, contengono alcol. Colloquialmente, l'alcol è inteso come alcol etilico o etanolo. Può essere trovato nella classica birra alcolica, vino o alta resistenza, ma anche come conservante ed estratto di varie droghe. L'etanolo è il rappresentante più conosciuto del grande gruppo chimico di alcoli.

L'etanolo è estrattivo ...

Per la produzione di medicinali a base di erbe, l'etanolo è sempre stato utilizzato per ottenere un elevato contenuto di principi attivi nel medicinale. Per questo scopo, ad esempio, erbe o componenti vegetali vengono posti per un lungo periodo in alcool e poi versati. L'etanolo è anche un alcol naturale che si trova ovunque, dove le sostanze umide, zuccherate o amidacee sono fermentate da onnipresenti cellule di lievito.

Pertanto, l'alcol è una parte naturale di molti alimenti come il pane o i succhi di frutta. Inoltre, il sangue umano contiene alcol in concentrazioni di 0, 002-0, 003% - senza assunzione di alcol.

... e conservante

Allo stesso tempo l'etanolo è un conservante naturale, in modo che l'uso di alcol nei medicinali possa essere dispensato con altri conservanti artificiali. L'etanolo inattiva gli enzimi: questo ha un effetto benefico sulle reazioni di rimodellamento e degradazione delle cellule, promuovendo così l'azione dei farmaci.

Rischi ed effetti collaterali

Il contenuto alcolico dei farmaci è completamente sicuro per la maggior parte delle persone, anche se assumono un medicinale a base di erbe per un periodo di tempo più lungo. L'alcol nelle medicine non è considerato un precursore della dipendenza da alcol tra i farmacisti. Ma ciò non significa che agli alcolisti sia permesso assumere farmaci alcolici. Qui, il comandamento dell'astinenza assoluta ha la precedenza. Nei bambini, tuttavia, gli spiriti discutono.

Le preparazioni attualmente disponibili contengono solitamente dal 30 al 50 percento in volume di alcol, che viene assunto in dosi singole di circa 2 ml o 2 g. Da questo si può dedurre un momentaneo livello di alcol nel sangue compreso tra 0, 01 e 0, 02%, che viene ridotto di nuovo dopo pochi minuti.

Pericolo per i bambini?

Da un punto di vista farmaceutico, quindi, non vi è alcun rischio per i bambini di droghe contenenti alcol. Al contrario, farmacisti e farmacisti fanno riferimento a quello che considerano il maggior rischio di uso negligente di alcol da banco. Inoltre, i genitori e gli educatori devono assicurarsi che qualsiasi tipo di farmaco - non solo alcolico - sia tenuto fuori dalla portata dei bambini.

La sostituzione di alcol è problematica

Per i farmacisti, l'etanolo è una componente indiscussa di varie formulazioni. La loro composizione è specificata e regolata dalla legge sulla droga. Successivamente, un farmaco contenente un estratto fluido o una tintura deve sempre contenere etanolo e non deve essere etichettato come "senza alcool". Le proprietà fisiche, tecnologiche e antimicrobiche dell'etanolo possono essere ben integrate con quelle dell'acqua, rendendo le miscele di etanolo e acqua facili da produrre e benefiche per il consumatore. Sebbene ci siano sostituti, ma spesso sono solo miscele di alcoli superiori.

Pertanto, questi preparati non sono affatto "senza alcol", ma solo "senza etanolo". Pertanto l'uso di altri solventi per i principi attivi vegetali non è raccomandato dai farmacisti. Va notato che anche gli alcolisti non dovrebbero assumere alcool nei medicinali.

Per i bambini, l'uso previsto è considerato del tutto innocuo - una bottiglia di birra nelle mani dei bambini è più pericolosa.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento