Bambini ADHD a scuola

I comportamenti tipici dei bambini con ADHD sono particolarmente evidenti a scuola. Qui ci si aspetta che i bambini si comportino con calma e ascoltino attentamente l'insegnante. Tuttavia, i bambini con ADHD sono spesso sfocati, possono essere distratti rapidamente e disturbare l'aula. Con alcuni suggerimenti e trucchi, la scuola e l'ADHD possono essere meglio riconciliati.

Bambini con ADHD: problemi a scuola

I bambini con ADHD hanno spesso problemi a scuola: sono facili da distrarre e hanno una bassa resistenza. Spesso iniziano le attività, ma non ci lavorano fino alla fine. Inoltre, i bambini sono a disagio e impazienti in classe, interrompono l'insegnante o rispondono alle domande senza essere stati chiamati prima.

Non è raro che i bambini con ADHD provino effetti collaterali come problemi di linguaggio, problemi di lettura o scrittura e problemi aritmetici. Sono possibili anche anomalie motorie, che possono mostrare, ad esempio in un font problematico. Anche i bambini con ADHD trovano spesso difficile connettersi in classe. Attraverso il loro comportamento irrequieto, a volte aggressivo, attaccano i loro compagni di classe.

L'insegnante informa

Quando tuo figlio è a scuola, dovresti informare l'insegnante di classe che hanno l'ADHD. Spiegagli cosa c'è dietro il disturbo e quali comportamenti possono verificarsi. In alcune terapie comportamentali, l'insegnante può anche essere coinvolto nel trattamento e imparare come rispondere adeguatamente al bambino a scuola.

Sfortunatamente, non tutti gli insegnanti sono in grado o disposti a rispondere in modo appropriato ai bambini con ADHD. Se ti rendi conto che tuo figlio ha problemi significativi a scuola e non è supportato dall'insegnante, dovresti pensare a lungo termine a un cambio di classe o anche a un cambio di scuola.

Evita la distrazione

A scuola, i bambini con ADHD dovrebbero preferibilmente sedere in prima fila e nelle immediate vicinanze dell'insegnante. Così può affrontare i problemi rapidamente e facilmente al bambino. Inoltre, il bambino in prima fila è ben protetto dalla distrazione dei compagni di classe. Un posto nell'ultima fila o una disposizione di posti a sedere con tavoli di gruppo, tuttavia, è piuttosto poco adatto per i bambini con ADHD.

Quando l'insegnante si rende conto che il bambino sta diventando irrequieto, è meglio dargli un piccolo compito - come pulire la lavagna - che fornisce un po 'di esercizio e varietà. Anche piccole interruzioni, in cui tutta la classe può allungarsi e allungarsi una volta, può essere utile.

Affinché il bambino trovi la minima distrazione possibile durante la lezione, tutti gli utensili necessari nella scuola dovrebbero essere preparati in modo ottimale. Ciò include, per esempio, che le penne sono affilate e nel riempitivo è incluso abbastanza inchiostro. Inoltre, i genitori dovrebbero assicurarsi che non ci siano giocattoli nello zaino del bambino. I libri e gli opuscoli di diversi soggetti sono meglio contrassegnati con un colore ciascuno: possono essere facilmente tenuti separati e le lunghe ricerche possono essere evitate.

Fai i compiti con i bambini ADHD

Fare i compiti può facilmente diventare una lotta quotidiana con un bambino ADHD. I bambini cercano di evitare i compiti ancora e ancora, possono concentrarsi male e possono essere distratti dalle banalità. Ti diamo cinque consigli che facilitano il completamento dei compiti:

  1. Fornire al bambino un ambiente di lavoro tranquillo e ordinato. I bambini con ADHD sono facilmente distratti, sia dal rumore che dagli oggetti. Idealmente, quindi, sul tavolo sono presenti solo gli elementi che il bambino ha effettivamente bisogno di lavorare.
  2. Aiuta il bambino a strutturare i suoi compiti. Questo darà al bambino una visione migliore di cosa fare, in modo che possano giudicare meglio il successo nel loro lavoro. Ad esempio, scrivi i compiti a casa dei diversi soggetti su singole note adesive, che il bambino può gradualmente dipendere.
  3. Se tu e il tuo bambino continuate a litigare mentre fate i compiti, assumete qualcun altro per fare il lavoro. Ad esempio, chiedi a nonna e nonno se possono temporaneamente occuparsi dei compiti del bambino. In alternativa, è possibile organizzare la guida dei compiti per un periodo di tempo.
  4. Non obbligare il bambino a sedersi alla scrivania tutto il tempo. Alcune attività, come l'apprendimento del vocabolario, possono essere svolte anche stando seduti in giardino o sul divano.
  5. Chiedete a vostro figlio di imballare la cartella per il giorno successivo quando ha fatto tutti i compiti. Quindi non c'è fretta la mattina dopo, ma può in pace, tutto ciò che è necessario per il giorno successivo, riposto in uno zaino.
Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento